Rendimenti dei titoli obbligazionari e dollaro in calo, LME in crisi.


I prezzi dell'oro sono aumentati del 2%, raggiungendo i massimi da quasi un mese, poiché il calo del dollaro e i rendimenti dei titoli del Tesoro statunitensi hanno aumentato la domanda per il bene rifugio. Anche le quotazioni di altri metalli preziosi sono salite, con l'argento spot in aumento del 2,5% a $ 23,09 per oncia, il platino in aumento dell'1,2% a $ 1.019,54 e il palladio in aumento del 3,5% a $ 2,116,68.

Nelle ultime ore, un rialzo dei rendimenti aveva messo sotto pressione l’oro. Successivamente l’uscita dei dati molto negativi sul CPI - indice dei prezzi al consumo USA - è stato l’evento scatenante per un balzo deciso del metallo giallo. Non di meno, il successivo calo dei rendimenti, che ha ridotto il costo opportunità di detenere oro infruttifero, ha determinato un forte e decisivo rally dei metalli preziosi.


Il metallo, in special modo l'oro ha anche tratto sostegno da una flessione del dollaro e sui timori, ormai appurati, che l'elevata inflazione colpisca la crescita economica globale.
"Le aspettative di inflazione mescolate alle preoccupazioni sulla crescita globale hanno reso molti investitori nervosi. I flussi di acquisto in beni rifugio stanno iniziando a fluire verso l'oro" ha detto in una nota Edward Moya, analista di mercato presso OANDA.


I banchieri centrali degli Stati Uniti hanno segnalato che potrebbero iniziare a ridurre il loro sostegno all'economia nell'era della crisi a metà novembre, sebbene rimangano divisi su quanta minaccia rappresenti un'elevata inflazione e su quanto presto potrebbero aver bisogno di aumentare i tassi di interesse in risposta.

Nel frattempo, un gruppo di banche che ha collaborato con il London Metal Exchange (LME) per lanciare futures su oro e argento nel 2017 si sta preparando ad abbandonare il progetto dopo che i volumi sperati non si sono concretizzati, hanno affermato tre fonti interne all'accordo.

Fonte: Reuters

 

Disclaimer. Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.